Il muflone americano è anche detto pecora delle Montagne Rocciose, nella sua denominazione in lingua inglese è chiamato bighorn, proprio a causa della sua caratteristica più peculiare e maggiormente evidente.

Il bighorn americano possiede infatti un enorme palco di corna tra le più imponenti della specie, tanto che esse possono addirittura raggiungere la ragguardevole pesatura di circa 14 kg, uguale alla somma di tutte le altre ossa del corpo del mammifero.

Le dimensioni medie di questa particolare specie di muflone sono quindi più importanti di quelle dei loro parenti europei e asiatici.

Muflone Americano
Muflone Americano

Molto probabilmente questa particolare specie di pecora selvatica si è diffusa nel continente americano grazie alle migrazioni di alcuni greggi di mufloni asiatici attraverso lo stretto di Bering, durante una delle ultime glaciazioni che ha conosciuto il nostro pianeta circa 750 000 anni fa nel periodo del Pleistocene.

Queste supposizioni possono essere avvalorate dal fatto che si sono ritrovati dei fossili di corna imponenti, risalenti a quell’epoca in diverse zone del continente nordamericano, fino ad arrivare a dei reperti rinvenuti in America centrale.

Tassonomia

In seguito a diversi studi e analisi i naturalisti sono riusciti ad individuare ben sette sottospecie differenti di bighorn, identificate in base alla loro zona di diffusione e permanenza. Sono state di conseguenza evidenziate le seguenti sottospecie:

  • Ovis canadensis, detto anche bighorn delle Montagne Rocciose che prende il nome evidentemente dalla catena montuosa dove è maggiormente diffuso e si può ritrovare in particolar modo in tutti gli stati degli Stati Uniti e del Canada attraversati da questa catena
  • Ovis californiana, è un muflone che popola principalmente le zone della California del nord e degli stati limitrofi, in particolar modo preferisce vivere su alture non troppo elevate e con una vegetazione abbastanza verde e rigogliosa
  • Ovis nelsoni, comunemente riconosciuto come il bighorn del deserto vive e si riproduce prevalentemente all’interno delle aree semidesertiche degli Stati Uniti sud occidentali tra l’Arizona, il Nevada e la California
  • Ovis cremnobates, questo mammifero risulta popolare soprattutto tra le montagne che compongono la catena montuosa dei Monti Peninsulari della California del sud fino ad arrivare alla Baja California messicana
  • Ovis mexicana, questa sottospecie caratterizzata da una grandezza leggermente inferiore alle altre si è stabilita con svariati greggi al confine tra gli Stati Uniti e il Messico e nelle regioni messicane di Chihuahua e di Sonora
  • Ovis auduboni, autoctono della zona centrale degli Stati Uniti purtroppo si è estinto a metà degli anni venti a causa sia dell’aumento dei suoi predatori naturali, sia della caccia indiscriminata e incontrollata fatta dall’uomo, molto attratto dalle imponenti corna dell’animale
  • Ovis weemsi, è un muflone tipico della zona desertica costiera del Messico vicino al confine californiano

Caratteristiche principali del Muflone Americano

I bighorn americani, come afferma il loro nome, sono molto noti grazie alle loro enormi corna ricurve, che sono sicuramente l’elemento emblematico di questo particolare mammifero che popola diverse zone del continente americano. Sia gli esemplari di sesso maschile che quelli di sesso femminile in età adulta presentano corna, ma il palco che possiedono i maschi è sicuramente molto più importante ed evidente. Il colore del pelo può passare dal grigio tenue fino ad arrivare ad un rossiccio molto intenso che saltuariamente può presentarsi di colore simile al cioccolato.

Il peso delle varie specie di bighorn può variare molto in base alle varie sottospecie alle quali appartengono, infatti gli esemplari possono pesare dai 90 kg fino ad arrivare addirittura ai 140 kg dei maschi adulti appartenenti ai branchi dei bighorn delle Montagne Rocciose. Questa importante differenza di stazza fisica e di peso è causata in particolar modo dagli ambienti all’interno dei quali questi esemplari vivono.

Infatti le varie sottospecie di mufloni americani si sono adattate nel tempo a habitat molto differenti tra di loro e ad oggi si possono trovare sia in zone di montagna con clima abbastanza freddo tipici delle montagne del nord degli Stati Uniti e del Canada, ma anche a zone semidesertiche del sud della California e del Messico, dove a causa della differente vegetazione gli esemplari non riescono a diventare delle dimensioni che invece riescono ad ottenere altre sottospecie che vivono in aree che possono fornire una dieta più varia e maggiormente calorica.

I Predatori del Muflone Americano

I principali predatori di questi mammiferi sono prima di tutto i grossi carnivori che popolano le aree all’interno delle quali vivono i bighorn e questi sono in particolar modo i branchi di lupi, i puma i leoni delle nevi e i coyote nelle arre più meridionali, ma possono essere anche attaccati da aquile reali per quanto riguarda gli agnellini.

Ordine Sociale e Accoppiamento

Il Muflone americano vive generalmente in grandi greggi all’interno dei quali convivono più maschi adulti e svariate femmine in età riproduttiva, questa caratteristica li differenzia in maniera evidente dai loro parenti europei in quanto essi prediligono formare greggi meno ampi con un numero di capi maggiormente controllato. Tutte le sottospecie di muflone americano invece riescono ad avere una composizione maggiormente eterogenea, infatti in essi i maschi condividono la maggior parte dell’anno in maniera pacifica e quasi collaborativa.

Le tensioni tra di loro possono aumentare solamente nel periodo precedente a quello dell’accoppiamento, quando nei maschi si manifesta la necessità di stabilire una precisa gerarchia per poter ottenere le attenzioni delle femmine che hanno la maggior possibilità di procreare.

È questo il momento nel quale si può assistere ai famosi scontri tra i maschi con imponenti corna che fanno di questa specie di mammifero sicuramente una delle più spettacolari in natura. Questi scontri hanno la funzione quindi di definire la gerarchia per il periodo dell’accoppiamento. Spesso le corna portano il segno di questi violenti duelli, ma a differenza di molte altre specie animali, i danni nella maggior parte dei casi si limitano alle corna lasciando praticamente illeso l’animale che di conseguenza rimane abile e in piena forma per dedicarsi alla conquista della femmina.

I maschi possono mettere in atto diverse strategie per poter conquistare le attenzioni delle loro femmine, infatti possono approntare un approccio maggiormente delicato e apprensivo che consiste nel seguire le femmine in calore e difenderle dagli altri maschi, oppure possono essere maggiormente dominanti cercando in ogni modo di allontanare gli altri pretendenti o addirittura in alcuni casi di isolare le femmine da tutto il resto del gregge cercando di impedire qualsiasi contatto con gli altri esemplari.

Rapporti con l’uomo

Molteplici ricerche hanno dimostrato come la popolazione complessiva dei mufloni americani all’interno di tutto il continente fosse particolarmente cospicua prima della colonizzazione europea, ma successivamente il numero dei capi è sempre sceso progressivamente a causa di svariati fattori come malattie, caccia e imbastardimento con la pecora comune importata dai colonizzatori.

Agli inizi del XX secolo si poteva quindi affermare con buona certezza che il bighorn americano era a rischio estinzione e solamente grazie ad un’ampia campagna di sensibilizzazione, condotta a partire dagli anni quaranta, da alcune personalità influenti della società civile statunitense si è ottenuto il risultato importante di eliminare questo rischio, tanto che oggi il numero di capi presente sul continente americano risulta molto soddisfacente.

Esistono molti riferimenti e leggende che legano e testimoniano la presenza e l’importanza di questo animale all’interno delle tradizioni di molti stati degli Stati Uniti e del Canada. Ancora oggi si possono ritrovare numerosi stemmi e bandiere che al loro interno esibiscono alcuni particolari legati al bighorn ed esiste anche una ricca toponomastica strettamente legata a questo iconico animale.

Chiudi il menu